Inquinamento da Gela a Ilva,12 mla morti

Chi vive nei siti contaminati da amianto, raffinerie o industrie chimiche e metallurgiche ha un rischio di morte più alto del 4-5% rispetto alla popolazione generale. E questo, in un periodo di 8 anni, si è tradotto in un eccesso di mortalità pari a 11.992 persone, di cui 5.285 per tumori e 3.632 per malattie dell'apparato cardiocircolatorio. E' quanto emerge dai dati relativi a 45 siti di interesse per le bonifiche inclusi nella nuova edizione dello studio Sentieri, a cura dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss). I dati sono stati presentati in via preliminare al workshop "Un sistema permanente di sorveglianza epidemiologica nei siti contaminati", tenutosi presso il Ministero della Salute.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. ANSA
  2. Latina Today
  3. Latina Today
  4. Latina Today
  5. Il Corriere della Città

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Cori

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...